THEY LIVE

indexLos Angeles. U.S.A.. Un disoccupato e vagabondo arriva in città in cerca di lavoro e lo ottiene come muratore. Sul posto fa la conoscenza di Frank, un altro operaio che lo porta in una baraccopoli dove molti altri disoccupati o precari del lavoro sopravvivono. Qui l’operaio, dopo che una retata della polizia ha distrutto la baraccopoli e ha dato fuoco alla chiesa, scopre un cartone pieno d’occhiali indossati i quali è in grado di vedere un altro mondo davanti ai suoi occhi. Molte delle persone che all’apparenza sembrano normali, infatti, appaiono come sono, alieni, e la maggior parte delle scritte che lo circondano sono in realtà messaggi subliminali che inducono al consumo ed alla sottomissione. L’operaio così ingaggia dapprima una sua battaglia personale fino a quando non riesce a convincere anche Frank a guardare il mondo da dietro le lenti. Entrambi, decisi a capire meglio le cose, sono rintracciati dal vecchio responsabile della baraccopoli ed invitati ad una riunione segreta dove altri cittadini che hanno scoperto dell’esistenza di questi alieni, si stanno organizzando per respingere la loro colonizzazione. L’ennesima retata della polizia distrugge i piani dei ribelli ma grazie ad un particolare orologio in dotazione agli alieni, l’operaio e Frank riescono ad entrare nel sistema principale dove gli alieni s’incontrano, si organizzano e da dove trasmettono il segnale che istupidisce gli umani e li piega al consumo, un’emittente televisiva. Entrambi danno l’assalto all’emittente ma, una volta raggiunto il tetto dove è posizionata l’antenna, sono traditi da Holly, una ragazza che l’operaio aveva conosciuto pochi giorni prima. L’operaio è costretto ad ucciderla ed interrompendo il segnale permette, prima di essere ucciso da altri alieni, di smascherare i colonizzatori con le loro vere apparenze.