Tutti gli articoli di ISIDE

DOVE SIETE ESSERI UMANI??? E’ ORA DI AGIRE!

Siamo tutti consapevoli di qualcosa che si ripete ormai da tempo nella nostra vita e che non siamo ancora riusciti a rompere, a cambiare, facendo qualcosa di diverso. Ormai da troppo ne siamo consapevoli, abbiamo compreso i perchè e per come ma ancora si ripete…siamo alle strette e quest’anno con l’energia che ci richiede la trasformazione, se ne sta andando…lasciando posto alle nuove energie che riprendono ciò che lasciamo in sospeso, amplificandolo.

Non abbiamo più tempo per stare a crogiolarci su ciò che ormai è stato e non è più, solo un ricordo nelle nostre memorie che tenta di esistere, ma il vecchio non ha più spazio con le nuove energie, e lo spazio serve a noi per farle entrare. Allora cosa stiamo aspettando? sono ancora le paure che ci fermano? ancora ci raccontiamo che siamo eletti e maestri ma la nostra vita non sembra essere coerente con le nostre affermazioni?

Forse è ora di essere umili e onesti con noi stessi e fare spazio….quest’anno ci richiama all’azione e nell’azione ritroveremo la trasformazione fatta nel 2016, ciò che ci è sembrato duro e ostile darà i suoi frutti se seguiamo l’onda energetica, se siamo connessi con il cosmo e il suo flusso, lui non è nostro nemico anzi….noi siamo UNO con il cosmo…siamo abitanti di un pianeta meraviglioso  che si chiama Terra e gli esseri umani hanno la possibilità di uscire dalla confusione ed entrare nella Verità, trascendendo le etichette e i limiti che la mente, per sentirsi sicura, mette in ogni istante.

Guardiamoci dentro ed entriamo in coerenza, questo ci richiede il numero 1 ( l’anno 2017)….siamo stanchi di guardar fuori e criticare, di aspettare che gli altri cambino quando siamo i primi a non volerlo fare, a raccontarci delle belle fandonie sulla spiritualità, quando questo è un lavoro serio che ognuno realizza su di se in ogni istante della propria esistenza. La vita ci regala specchi per poterci guardare e riconoscere, belli e brutti, ma chi non vuole vedere non vedrà la bellezza dell’ombra che fa crescere e imparare, non vedrà nemmeno la bellezza della luce, perchè la cerca nel posto sbagliato.

Siamo tutti a giocare nello stesso teatro, siamo tutti forme e aspetti dell’Assoluto, belli e brutti, ognuno ha una funzione che porterà il destino di questo Pianeta e della nostra razza a evolvere o soccombere, abbiamo un cuore prezioso che batte e brilla, ancora non lo sappiamo usare, parliamo bene ma all’ora di affrontare le paure che ci immobilizzano facendoci pensare eterni in questo involucro, pensiamo tanto e agiamo poco.

Tristemente, una delle razze più potenti dell’Universo sta soccombendo e perdendosi dietro a false credenze, mentre il tempo di trovare la nostra Verità dentro il cuore, dentro l’ anima divina che abbiamo e che tutto SA è agli sgoccioli…..dove siete Esseri Umani?!

E’ ora di agire…..

Francesca Ollin Vannini

Fonte : https://www.facebook.com/semidiluceblu/

Sito : http://www.semidiluceblu.it/

 

RIMARRA’ SOLAMENTE CIO’ CHE E’ PURO SULLA TERRA

 

dal Maestro Beinsa Douno questi scritti densi di significato

L’elisir vitale viene da lontano, passa attraverso il Sole e scende sulla Terra ogni due mila anni e porta una nuova vita, una nuova cultura, una nuova epoca. Tra tre anni (parole del 1923) il Sole entra in un nuovo segno, in una nuova epoca che durerà 24 mila anni. Questo segno è l’Acquario. Quando il Sole entra in questo segno, nelle anime delle persone si farà qualcosa di nuovo: un nuovo impulso, una nuova aspirazione.

Alle condizioni attuali la Terra non è inclinata a 23 gradi, ma a 22 e si raddrizza gradualmente. Ciascun cambiamento che avviene sulla Terra avviene anche in noi. Anche la nostra mente è leggermente inclinata. Un giorno quando la Terra si raddrizzerà perpendicolarmente al suo asse, avremo un clima moderato, buone condizioni di vita, la mente sarà illuminata, il cuore caldo, la volontà forte, saranno rispettate le leggi di Dio.

Se ci nutriremo con grano e frutta, la nostra vita sarà più pura. Quando si stabilirà l’insegnamento di Gesù e germoglierà nei cuori umani, molte persone impazziranno e scoppieranno come delle vecchie bolle.

Sono tutti gli esseri viventi la causa dei terremoti in una parte qualsiasi del globo terrestre. Sono loro che creano i terremoti. Sono strane le persone quando cercano la causa dei terremoti altrove e non in sè stessi. I pensieri negativi, i sentimenti negativi e le azioni negative delle persone, influiscono sulla Terra, così come le sostanze esplosive, che messe sotto una roccia la distruggono. Basta solo accendere queste sostanze e tutto ciò che c’è sopra salta in aria. Così si producono i terremoti.

Le persone con il proprio pensiero possono ostacolare l’attività normale dei vulcani e intasarli, e con ciò prepareranno delle grandi catastrofi all’umanità. Voi dite: “È possibile che un piccolo pensiero possa produrre qualcosa di cattivo?” Sì… c’è un certo tipo di materia che non pesa, ma in essa c’è una vita talmente intensa che può eliminare tutti noi dalla faccia della Terra.

Dovete sapere che i pensieri innaturali delle persone hanno esercitato una certa influenza sulla struttura degli strati terrestri e li hanno spostati in modo scorretto. Perciò ci si può aspettare, se le persone non si sistemeranno, di vedere accadere dei terremoti a seguito dei quali i loro capelli incanutiranno. Le persone devono modificare il proprio pensiero distruttivo per salvarsi, perché dovete sapere che la Terra è viva e ragionevole, e reagirà ai pensieri e desideri innaturali delle persone.

Non solo gli esseri di altri pianeti e civiltà esercitano un’influenza sulla Terra, ma anche tutte le persone, con i propri cervelli esercitano un’influenza sull’intera struttura della Terra. Se le persone concentrassero le loro menti in un determinato punto lo scioglierebbero. Una roccia si scioglierebbe con l’energia che si irradia dai cervelli umani. Se sapessero utilizzare la concentrazione del loro pensiero, le persone potrebbero anche sciogliere allo stesso modo tutti i dolori e le malattie.

Le lotte attuali sulla Terra sono un riflesso della guerra che si conduce nel mondo invisibile tra la Loggia Bianca e quella nera. Ma la Loggia Bianca vincerà. Il Bene vincerà. Gli spiriti oscuri saranno legati e mandati nell’abisso. Ora l’umanità vive l’epoca più importante. Siate dunque felici di vivere in questi tempi e di partecipare alla creazione del nuovo.

Oggi le contraddizioni sono inevitabili. La Terra è un mondo chiuso nel quale le sofferenze e le contraddizioni vanno parallele. Finché la Terra non viene ricreata e ricostruita esisteranno le sofferenze. La Terra è gia stata creata, ma ora viene riordinata. E per la terza volta sarà ricreata. Allora potremo dire di vivere nella Terra Nuova e nel cielo nuovo di cui si parla nella Scrittura.

La fine del mondo, nella Scrittura, significa sempre la perdita nei tre mondi delle condizioni nelle quali una certa delinquenza può esistere e crescere. Nei mondi divino e spirituale le condizioni sono quasi esaurite, sono rimaste solamente sulla Terra (nell’insegnamento del Maestro si parla di tre mondi che interagiscono continuamente uno con l’altro: il mondo Divino, il mondo spirituale ed il mondo fisico nel quale viviamo noi).

Secondo i miei studi, le condizioni per i crimini sul piano fisico tra 300 anni saranno esaurite. Ora sono le ultime condizioni per i crimini. Tra 300 anni se sarete vivi verificherete le cose. Ora non possiamo parlarne, ma entro 300 anni ciò sicuramente succederà. Poiché negli altri due mondi le cose sono già avvenute, immancabilmente vi sarà alla fine un influsso.

Nelle persone c’è il risveglio di una grande coscienza, questa influenza verrà ovunque. Le persone non vogliono più commettere coscientemente delitti. Tutti si rendono conto che bisogna mettere fine a questa anormalità che esiste. La vita peggiora sempre di più e diventerà insopportabile. Per le persone cattive arriva un periodo nero, poiché l’epoca oscura è in scadenza. Ora siamo ormai nell’epoca dell’Acquario che significa purezza. Il mondo astrale è già purificato. La cultura futura si distinguerà per tre cose: l’elevazione della donna, l’elevazione dei poveri e dei deboli e la protezione dei diritti dell’uomo.

È stato scritto nelle Scritture: “Tutti saremo istruiti da Dio”. Quando avverrà questo? Negli ultimi anni del secolo (XX sec.) e sarà un’epoca importante. Il grande calore spirituale che viene ora nel mondo, distrugge i ghiacci e li trasforma in acqua. Tra mille anni non cambieranno solamente le persone, ma anche i lupi smetteranno di mangiare le pecore. Si disgusteranno della carne e mangeranno cibo vegetale. Tutto ciò che è impuro e che si nasconde nella Terra verrà rigettato fuori. L’umanità passerà attraverso prove dure che ora non può immaginarsi. Suderà, si cambierà e si rinfrescherà.

Verrà il fuoco e voi dove vi nasconderete? Una volta arrivato il fuoco, vi ricorderete che le parole che vi ho detto sono vere. Sedrach, Mesach e Abdenago (Vecchio Testamento – libro del profeta Daniele, capitolo 1,7) furono nel fuoco, ma non bruciarono. Il fuoco è cominciato. Questo disordine del sistema nervoso che si è esteso in tutto il mondo, è un forno ardente nel quale bruceremo. Fuoco e non diluvio sarà la punizione, ma per coloro che seguono la strada di Dio, questo fuoco sarà una benedizione.

Gesù dice: “Il pane che scende dal cielo”. Quindi la vita vera viene da lì. Alcuni dicono che nel futuro verrà il tempo in cui le persone si nutriranno di luce (Prana). Tutto sta nella luce. Se tu puoi condensare la luce, c’è cibo. Alcuni studiosi dicono che ciò è possibile. Potranno passare migliaia di anni, ma ciò si avvererà. Se tra mille anni le persone cominceranno a nutrirsi di luce, sarà un successo.

Solo le persone pie sono destinate ad essere gli eredi della Terra. Non passeranno neanche centomila anni e alla fine la Terra sarà liberata da tutte le persone ancora nel peccato. Non crediate che le persone nel peccato prospereranno sulla Terra.

Il Giorno di Dio veniva rimandato perché le persone si riconciliassero. Ma verrà. La venuta del giorno di Dio sarà accompagnato da sofferenze. È stato rimandato finora il giorno di Dio perché le persone si potessero correggere. Ma il Giorno di Dio sta venendo con la sua forza. Noi siamo all’inizio della seconda venuta di Gesù.

Gesù venne sulla Terra duemila anni fa con una grande missione. Voleva mostrare ai popoli contemporanei europei come procedere. Tutto ciò che predicava Gesù alla sua epoca si riferiva ai tempi attuali. Lui diceva a tutti i popoli: “Voi arriverete ad una grande crisi. Se volete liberarvi da questa crisi, l’unica soluzione sta in ciò che predico ora. Se applicherete i miei insegnamenti vi salverete da una catastrofe, altrimenti la catastrofe sarà inevitabile”.

Quello e questo mondo sono uno, quando la coscienza non è interrotta. Ora sono gli ultimi giorni del mondo. Tutto ciò che è vecchio andrà via, non passerà molto tempo e questo secolo porterà via tutto. Tutte le filosofie, tutte le scienze devono essere trasformate. Dio ha deciso questo. È già stato preparato un piano. L’umanità non può vivere in questa maniera. Il karma dei popoli europei è maturo. Questo cataclisma che verrà sarà sociale e naturale. Tutte le forme religiose perderanno il loro senso. Il mondo invisibile ha deciso, vi è un programma ed una volta premuto il pulsante, tutto è finito.

Nel futuro verranno delle anime che staranno nello spazio, in paradiso. Nel mondo invisibile ci sono migliaia, milioni di anime che sono avanzate. Loro verranno sulla Terra ed instaureranno ordine. Chi non vorrà rendersi utile, sarà portato altrove. In questo secolo accadranno delle grandi trasformazioni. Tutto il XX secolo sarà un secolo di trasformazioni, un secolo di preparazioni. Se ora ve ne andate, verrete di nuovo verso l’anno 1975, perché ci sarà un lavoro importante. Non rimarrete per molto tempo nello spazio. Tutti i vostri fratelli e sorelle già partiti sono sempre qui tra di voi. Io li vedo qui riuniti. Tutti vengono alle lezioni e se ne vanno. Loro capiscono le lezioni molto meglio di voi, dieci volte meglio.

Sappiate che oggi passate dall’epoca cristiana alla Nuova epoca, che è l’epoca della legge della fratellanza e della sorellanza. Viene la nuova cultura! Viene la sesta razza! Viene ciò che è Divino nel mondo! Viene una purificazione radicale. Viene un grande fuoco. Voi sarete testimoni di questa cosa, la verificherete. Le persone attuali hanno paura di rivoluzioni, però il pericolo non sta nelle rivoluzioni, il pericolo non sta nei bolscevichi, né nei ricchi, né nelle guerre, né negli infedeli. Avviene una grande agitazione della Terra, per la quale i poveri ed i ricchi voleranno in aria, poi saranno ricoperti dalle ceneri.

A tutte le persone contemporanee in tutto il mondo dico di non costruire delle case alte, perché la crosta terrestre subirà grandi piegamenti e di queste case non rimarrà nulla. Tutte le case alte saranno fatte cadere, e non ne rimarrà neppure una pietra. La crosta terrestre si piegherà e insieme ad essa anche voi vi piegherete.

Ora bisogna vivere bene per poter entrare nella nuova epoca senza debito. Durante i pochi anni che vi mancano da qui fino al 1999 che cosa farete? Perché l’epoca è quasi finita. Quindi ciò che fate in questa vita rimarrà. Coloro che sono pronti avranno sempre buone condizioni per liquidare il loro karma, invece coloro che non sono pronti, avranno la possibilità di farlo nell’anno 1999. Fino al 1999 il mondo vedrà ciò che non ha mai visto prima.

Dal 1945 entriamo nella nuova epoca. Da questo anno comincia il graduale miglioramento dei pensieri umani, dei sentimenti umani e delle azioni umane. Arriva un miglioramento dell’organismo umano. Migliorano i rapporti tra le persone.

Oggi tutte le persone vogliono sapere che cosa succederà del mondo. La vecchia cultura con tutte le sue tradizioni rimaste da nonni e bisnonni sarà distrutta, non ne rimarrà nulla. La piccola pietra tagliata dalla montagna distruggerà la vecchia cultura e sulla Terra rimarrà solo quello che essa porterà. È il nuovo che dovete percepire. Ciò che il profeta descrive si riferisce all’epoca attuale. L’epoca attuale è transitoria. Rappresenta una distruzione della vecchia cultura, la ricostruzione del Regno di Dio e l’instaurazione di un nuovo mondo.

Una prova terribile, pesante viene per l’umanità. Tutto si scioglierà, si trasformerà in polvere e cenere. Quando ciò accadrà non è importante; può accadere tra un anno, tra dieci, tra cento o mille anni. Ciò che è importante è che la legge sarà applicata. Sarete testimoni di questo tempo e verificherete la veridicità delle mie parole. Tutto ciò che vedete oggi scomparirà, si scioglierà. È tale la volontà di Dio. Il mondo invisibile ha deciso di liquidare ciò che è vecchio. Ciò non deve scoraggiarvi, ma dovete ritornare sulla dritta via.

Una volta esistevano degli animali enormi, lunghi 20 metri. La natura li mandò nel mondo invisibile. Ora i grandi animali del passato sono in noi – sono i nostri desideri insaziabili. Ma qualsiasi siano i nostri desideri, tra anni non ne rimarrà nulla, tutto se ne andrà. Anche il Sole cambierà, anche la Luna, anche le stelle e apparirà qualcosa di nuovo. Gli abitanti della Terra nuova, saranno altri.

La disobbedienza delle persone è la causa per la quale il mondo viene man mano distrutto. Ecco perché viene il fuoco! Deve avvenire una purificazione della mente e del cuore. Viene il fuoco! Chi non ha Amore, di lui non rimarrà nulla. Non rimarrà niente degli Stati europei. Non passerà molto tempo e verificherete ciò che vi dico. Solo l’Amore vi salverà. Le parole del profeta si sentiranno. Non rimarrà nulla dei piani della politica europea. Che sappiano questo i diplomatici europei! Non rimarrà nulla delle attuali religioni e chiese. Non rimarrà pietra su pietra! L’Amore distruggerà tutto ciò che è vecchio. Dopo cominceremo a riedificare.

Questa Europa non ha ancora la conoscenza con cui accogliere ciò che è Divino. La conoscenza per questo grande Amore deve diventare conoscenza delle culture nazionali. La prova che si farà, sarà prima di tutto sul piano spirituale. Le persone da dentro devono acquisire la conoscenza tramite questo contatto interno.

Nel mondo si verificherà un cambiamento radicale, non vi dirò quando, ma lo vedrete. Accadrà improvvisamente. Le persone si addormenteranno e quando si sveglieranno vedranno che non sono più come prima. Ora avviene una primavera comune, un’onda spirituale comune che toccherà tutti. Però coloro che sono più avanzati avranno più condizioni per l’avanzamento. Ma tutti acquisiranno qualcosa.

Ora è un’epoca nella quale le cose sono condensate. Ciò che si sarebbe realizzato in migliaia di anni, nell’epoca attuale si può realizzare in soli 10 anni. Perciò vengono delle grandi tensioni, delle contraddizioni. Ora sono giunti tempi favorevoli per notevoli successi spirituali, in un anno potete acquisire qualcosa per cui prima impiegavate cento o mille anni.

Tutte le vecchie forme saranno distrutte. Le persone non si accorgeranno come cresceranno, come diventeranno delle persone nuove con concezioni nuove. Ora vengono elaborati nuovi organi. L’onda che viene non eleverà soltanto noi, ma anche tutti i minerali, le piante e gli animali. Coloro che non saranno presi dall’onda, rimarranno per il futuro con un’altra onda. Ma se rimarrete per il futuro, allora le condizioni saranno più pesanti.

Oggi il processo evolutivo è abbreviato. Ciascuna cosa, per la cui realizzazione nel passato erano richiesti migliaia di anni, oggi si può realizzare nel giro di alcuni secondi, minuti od ore, dipende dall’intensità del pensiero. I Maestri dell’umanità avvisano le persone e soprattutto i loro studenti di affrettarsi. Il tempo è prezioso. Un giorno vale un secolo. Chi può utilizzare bene il tempo acquisirà delle grandi ricchezze.

Cristo dice: “Vegliate!” Ora è il tempo più pericoloso, potete addormentarvi e rimanere fuori. Perciò la vostra coscienza, i vostri cuori e le vostre menti devono essere vigili. Non c’è tempo per un rinvio. Se ora perdete il treno, aspetterete migliaia di anni affinché arrivi di nuovo. Due mila anni fa, si diceva che si era avvicinato il giorno di Dio. Ora io dico: noi siamo nel giorno di Dio. Manca solo mezzora all’ultimo treno. Guai a quell’individuo, a quel popolo che fino a quel momento non abbia pareggiato i propri conti! Sarete tutti smascherati. È così che si dice da lassù. Se l’Europa non corregge i propri errori, passerà attraverso grandi sofferenze. La aspettano grandi sofferenze. È stato detto: “Guai a te, Gerusalemme!” L’Europa attuale è questa Gerusalemme.

L’unica salvezza è che siate conduttori di vita buona, di forze buone, di pensieri buoni nel mondo. È la vostra funzione ora. Se continuate su questa strada verrà la collaborazione: il Sole sorgerà in tempo, il vento arriverà in tempo, tutto verrà in tempo per colui che ascolta. Anche il Maestro verrà ed aiuterà per migliaia di anni. Chi porta sulla dritta via l’uomo è colui che lo salverà. Non saremo noi che ci salveremo. È Lui che vi salverà.

Mosè fu mandato al popolo ebraico per portarlo sulla dritta via. Gli disse: “Dirai al faraone che ti mando Io. Sono Io che mando tutto”. Il faraone cominciò ad opporsi, disse: “Io non ti conosco”. Alla fine fu costretto a lasciare Israele. Quindi ora nella stessa maniera dico: verrà un Mosè che porterà sulla dritta via l’umanità. Così dice Dio. Alzerà il bastone. Alla fine tutte le persone obbediranno. Ciò avverrà, ma quando? Non è per voi sapere gli anni che Dio determinò. È vicino il tempo, ma quando, non lo sa nessuno. Quando dormite, quando non pensate a niente, quando vi immaginate che tutto va bene, allora verrà.

“Il giorno di Dio arriva!” Molti parlano della fine del mondo. Alcuni mi hanno perfino chiesto: “Come finirà il mondo? Che cosa succederà di noi?” Non succederà niente di particolare. Voi vi trasformerete, vi alleggerirete, peserete un grammo e questo grammo conterrà una tale forza potente, che secondo la vostra volontà creerete il corpo che volete, pesante o leggero, in base al tempo. Esso sarà come un embrione. Allora Dio vi darà tutte le condizioni per lo sviluppo. Le persone pie saranno benedette, si rimpiccioliranno e s’ingrandiranno secondo il loro desiderio.

È la legge dell’umiltà attraverso la quale dobbiamo passare. Quando si parla di umiltà, ciò sottintende che l’uomo rinunci alla megalomania, all’avidità, perché il senso della vita non sta né in ciò che è tanto, né in ciò che è poco. Una persona deve avere solamente ciò che le è necessario.

Non passerà molto tempo e non ci sarà più carbone. Non ci sarà più fumo, le persone non bruceranno legna. Si caricherà l’energia elettrica e magnetica per il riscaldamento e l’illuminazione. Su in aria, nello spazio, a 500 chilometri sopra la Terra c’è tutto un oceano di energia elettrica. Essa sarà portata giù, sarà utilizzata, tutta la Terra sarà illuminata.

Nella natura vi è un’energia condensata e un giorno quando diventerete delle persone pie, dei santi, vi servirete di questo calore condensato. Gli alberi di frutta conoscono questa arte. Ricavano energia dalla terra che viene dal Sole e formano i frutti buoni.

Al massimo tra 200 anni ciascun tipo di fraternità, ciascun tipo ti legame di parentela tra le persone, che sono state legate da carne, scomparirà. Il legame tra le persone nate da Dio continuerà per almeno 25 mila anni. Questa costanza, questa durata dei legami darà una possibilità alle forze ragionevoli che agiscono nell’anima umana di compiere il proprio lavoro.

La nuova cultura si eleverà su quella vecchia. Le nuove condizioni esigono nuove coscienze. L’atmosfera sulla Terra diventerà molto diluita, diminuirà la quantità dell’ossigeno ed anche la pressione atmosferica. Sta venendo il tempo in cui l’aria diventerà più diluita e tutte le persone abituate a respirare aria densa soffocheranno. La luce ed il calore aumenteranno.

Verrà il giorno in cui le persone si nutriranno solo tramite i polmoni ed il cervello. Il neonato non sarà schiavo delle condizioni, non dovrà preoccuparsi ogni giorno del giorno successivo. L’uomo gradualmente dovrà abituarsi alla temperatura alta, perché verrà il giorno in cui vivrà nel fuoco, nella temperatura della luce. Allora respirerà luce, così come oggi respira aria.Nel futuro tutte le cose secche, cattive ed impure bruceranno. Rimarrà solamente ciò che è puro sulla Terra. Il polo Nord ed il polo Sud non saranno più freddi, perché il ghiaccio si scioglierà. Tutte le persone che hanno delle vibrazioni inferiori bruceranno.

Ora si effettua una ricostruzione della materia terrestre. Dal Sole vengono delle correnti magnetiche enormi che alzano i continenti e li tonificano. Questa Terra è peccaminosa, piena di impurità, deve essere purificata. Rimarranno le grandi foreste dell’America dove il piede umano non è giunto. L’Africa fa parte di un grande continente che è affondato. La magia nera è la cultura di questa razza nera, che a causa dei suoi peccati è affondata. Sono i Lemuri. Atlantide è della razza gialla. Ora viene il turno della razza bianca: la quinta razza anch’essa affonderà per cedere il posto alla sesta razza. Gli atlantidei furono una razza di sentimenti, mentre la razza bianca è quella dell’intelletto.

Un intero continente affonderà affinché il mondo si salvi. Emergerà un continente enorme nel Grande oceano Pacifico, mentre l’Europa attuale sarà un’isola, un’isola dei bianchi. Parti della Francia, del Belgio, della Grecia affonderanno. Il Sahara sarà inondato: diventerà un mare intorno al quale nasceranno delle nuove culture. Le condizioni climatiche cambieranno. L’onda magnetica che verrà, ha la possibilità di bruciare tutta la crosta terrestre. Le persone spirituali s’adatteranno subito alle nuove condizioni, mentre quelle laiche ed i materialisti girovagheranno, correranno sulla Terra senza aver pace.

Il mare Mediterraneo confluirà in quello Caspico. In Asia si formeranno molti e grandi laghi. La penisola Balcanica si abbasserà gradualmente e affonderà. Il mar Mediterraneo si avvicinerà alla Rodopa (montagna nel sud della Bulgaria) e perciò non ha senso che la Bulgaria combatta per lo sbocco verso il Mar Bianco. Avverrà naturalmente. Alcune città marittime affonderanno. Il porto sarà una città più all’interno.

In Europa ci sarà un terremoto che comincerà dal Nord e scuoterà tutta l’Europa. Di questo resterà memoria per anni. Si spiega anche la causa di questo terremoto. Nel Vecchio Testamento è scritto: “Badate che i vostri pensieri e le vostre azioni non diventino così cattivi che la Terra non possa più sopportarvi”.

Un giorno la Terra si libererà dai miliardi di persone che la popolano. Nel futuro ne rimarranno circa un miliardo: per queste anime essa ha buone condizioni di vita. Le altre andranno in altri mondi a lavorare.

Alcuni studiosi dicono che per gli abitanti della Terra c’è un nuovo pianeta preparato nel Sistema Solare. Tutte le persone vi saranno trasportate da qui. Ora hanno cominciato a trasportarle a uno, a due, a tre per volta; nel futuro la maggior parte delle persone saranno portate lì. Lì avranno delle condizioni di vita migliori.

Coloro che saranno i pionieri di quel pianeta comunicheranno con la Terra. Dicono che esso non sarà molto lontano. Dopo un po’ di tempo questo pianeta prenderà il posto della Luna. Esso non sarà molto lontano: a circa 300 mila chilometri. Sarà una bella passeggiata. E quando ciò accadrà, l’indizio sarà che la luna avrà un colore bluastro, non come quello attuale. Così riconoscerete che è cambiata. Ed un giorno ritornerete su questa bella Terra ed allora qui sarà un vero Regno di Dio. Ci sarà un Regno sulla Terrà, ma sarà il Vero Regno.

 

 

Fonte : http://www.beinsadouno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=88&Itemid=88

COME INFLUISCE IL CAMPO ENERGETICO NELLA SCELTA DEL PARTNER

Il campo energetico è costituito dalla somma delle strutture energetiche che lo compongono. Fino a qui tutto risulta semplice da capire. Nuclei, chakra, meridiani, livelli accorpati e visti come un unica identità rappresentano dunque quello che è la nostra espressione energetica. Ma come intervengono essi nella scelta di un partner?

Sappiamo, in ambito fisico, che durante l’innamoramento il corpo è soggetto a una produzione di determinate sostanze, fra le quali la feniletilamina che stimola l’euforia e la trepidazione tipica degli innamorati, la dopammina che favorisce la sintesi del testosterone, la noradrenalina che provoca eccitazione ed entusiasmo oltre a regolare la produzione di adrenalina che causa quell’aumento del battito cardiaco e il rossore in volto dovuto all’aumento della pressione sanguigna.

Tutte queste sensazioni tangibili e rilevabili fisicamente, ci spingono a guardare la persona che riesce a provocarcele come una potenziale o un potenziale partner. Ovviamente qui siamo solo all’inizio del processo, ciò non significa che il lui/lei diventerà il/la nostro/a partner per la vita o per un lungo periodo di essa.

La componente psicologica, seppur sia vittima in un primo momento di ciò che accade nel nostro corpo, sarà quella che nel prossimo futuro legherà ancor di più i due innamorati o ne decreterà l’allontanamento. Perché infatti una persona possa diventare nostro/a partner, bisogna che sia in grado di appagare non solo i bisogni fisici, ma anche quelli mentali che rispondono ad un insieme di elementi costruiti sulla base della nostra vita passata fra cui sicuramente l’educazione e la percezione della famiglia.

Il campo energetico e il partner

Come è ovvio immaginare, il proprio campo energetico e il campo energetico del partner si relazionano fra di loro e da questa “relazione” nasce il sentimento reciproco. In questo meccanismo, i primi a intrecciare la comunicazione, sono i livelli energetici.

Come visto nell’articolo “Ecco come incidono i livelli nelle nostre relazioni“, i livelli energetici che si originano dai quattro nuclei, si occupano di portare il nostro “IO” agli altri e riceverlo. Nella fase dell’innamoramento, il livello fisico è quello che rileviamo per primo in quanto, l’energia più densa che compone il nostro corpo è percepita più rapidamente. Questo è il primo segnale che ci induce a voler approfondire quelle sensazioni stimolando la corrente ascensionale della liberazione. La forte spinta fisica sale dunque verso il nucleo superiore, il nucleo psicologico che, essendo in stretta relazione con il chakra dell’ego e del cuore, viene travolto e in qualche modo temporaneamente offuscato dalla forza di questi due chakra. Salendo ancora, il nucleo spirituale è condizionato dal chakra del 3° occhio e la sua voglia di provare l’esperienza. Ecco quindi che la chimica dell’innamoramento ha pervaso, attraverso uno stimolo fisico, tutto il campo energetico.

Come sappiamo però,  l’innamoramento è solo il primo passo nella scelta del partner poiché da qui all’amore vero, seppur il passo possa sembrare breve, c’è ancora molto da fare.

Con il passare del tempo infatti il desiderio fisico, pur restando sempre a livelli molto alti, comincerà a lasciare spazio anche al desiderio mentale ossia, trovare soddisfazione alle proprie aspettative. Ciò significa che il partner, oltre a soddisfarci adesso, deve poter soddisfare anche l’idea di vita che ci siamo fatti. Ecco che interviene la corrente discensionale di manifestazione che, a differenza dell’altra, origina dalla mente attraverso la conoscenza che abbiamo o crediamo di avere. Qui le cose si fanno più complicate.

  • Qual’è l’ideale di vita del nostro partner?
  • E’ in sintonia con il nostro pensiero?
  • E’ in linea con i miei valori?

Queste sono domande lecite e naturali, niente di strano, ma se ponessimo le stesse domande a noi stessi, sapremmo prima di tutto rispondere?

  • Qual’è il nostro ideale di vita?
  • C’è sintonia fra il nostro pensiero e noi stessi?
  • Rispecchio nei fatti i miei valori?

La risposta è nel nostro campo energetico, nel modo in cui lo abbiamo costruito dalla nascita ad oggi e nelle nostre paure. Perché infatti spesso conosciamo persone che si lamentano del proprio partner nonostante stiano insieme da molti anni e non intendono cambiare?  Alcuni direbbero: “perché ormai mi sono rassegnato/a” oppure “mi sono accontentato/a” o ancora “non riesco a trovare di meglio”.

NO, NO e ancora NO. Queste risposte sono solo giustificazioni per una rinuncia a scoprire ciò che siamo e vogliamo davvero. Se accanto a noi abbiamo un partner, un motivo c’è e , fra i tanti modi possibili, c’è anche quello di poterlo ricercare nel nostro campo energetico che altro non è che l’espressione di noi.

Anatomiaenergetica.it

ECCO COME INCIDONO I LIVELLI ENERGETICI NELLE NOSTRE RELAZIONI

Il nostro campo energetico ha una forma ovoidale che si estende per otto metri di raggio a partire dal nostro interno. I nuclei, veri e propri generatori e processori di energia, sono una specie di centralina del nostro campo energetico. Questi sono 4, che a partire dal basso verso l’alto, si definiscono:

  1. Nucleo fisico (Kundalini);
  2. Nucleo dell’ego;
  3. Nucleo spirituale;
  4. Nucleo Dio, Universo, Cosmo.

Ogni nucleo ha una sua particolare caratteristica e si occupa del piano fisico-emozionale che gli compete. I primi tre si occupano di regolare il nostro ambito personale e più specificatamente, di relazionarci con noi stessi e con gli altri. Ognuno dei primi tre nuclei dunque, presenta “due funzioni”, anche detti livelli energetici, che si occupano di ricevere o trasmettere l’energia specifica che gli compete verso il proprio campo energetico o verso quello di altri individui.

Il quarto nucleo non ha una dimensione dualistica, esso infatti presenta solo un livello energetico in relazione continua con l’universo e la sua energia. In questo caso non si parla solo di energia universale ma dell’energia vera e propria che compone tutto l’Universo e dunque anche l’energia degli altri esseri viventi.  Il 4° nucleo rappresenta quindi una sorta di nucleo sempre collegato a prescindere dal nostro volere. Questo non significa che non può avere problemi, ma “diciamo” che non ci appartiene in senso stretto.

Livelli Energetici

Premesso quanto sopra, si può riassumere che il nostro campo energetico presenta 7 livelli energetici ovvero:

1° Livello – Relazione Fisica con sé stessi

Nucleo Fisico

2° Livello – Relazione Fisica con gli altri

——————————

3° Livello – Relazione Mentale con sé stessi

Nucleo Ego

4° Livello – Relazione Mentale con gli altri

——————————

5° Livello – Relazione Spirituale con sé stessi

Nucleo Spirituale

6° Livello – Relazione Spirituale con gli altri

——————————

Nucleo Dio, Universo —7° Livello – Relazione con Dio, Universo, Cosmo

Potrebbe sembrare strano dover pensare di prendere in considerazione una relazione con noi stessi, se in fin dei conti, siamo noi stessi che la produciamo. In realtà però non è propriamente così. Non sempre ciò che noi siamo corrisponde a ciò che vorremmo essere, non sempre ciò che pensiamo superficialmente corrisponde al nostro pensiero interiore e infine non sempre ciò in cui crediamo, ci crediamo davvero. Quante volte ad esempio abbiamo sentito quella voce interiore che cerca di avvisarci di qualcosa?

Come può una voce che rappresenta il nostro Io, non essere d’accordo con noi stessi?

Purtroppo questa situazione si verifica molto più spesso di quanto si pensi. Siamo talmente abituati a indossare maschere che finiamo per mascherarci anche con noi stessi. Ci facciamo la guerra, ci autoconvinciamo, ci spingiamo ad essere quello che non siamo e in fin dei conti a volte potrebbe anche andare bene, solo che spesso lo facciamo a nostro danno, non per trarne beneficio.

Questo meccanismo si potrebbe sintetizzare così: quando viviamo un esperienza, la nostra interpretazione che ne deriva armonizza, plasma l’evento accaduto per poterlo interiorizzare sulla base del nostro “essere”. L’interpretazione è soggetta a un ulteriore revisione data dalla nostra parte cosciente e non cosciente.

Succede così che mentre la parte non cosciente interiorizza l’evento passivamente, ovvero senza ingannarsi, la parte cosciente tende a interiorizzare in maniera attiva dando un taglio “utile” al proprio scopo. Se il conscio e l’inconscio saranno d’accordo, l’interpretazione sortirà un effetto, se invece non lo saranno ne sortirà ovviamente un effetto diverso. Nel secondo caso, nasce il conflitto. Questi due modi diversi di interiorizzare, attivo e passivo, hanno ambedue i suoi pro e i suoi contro. A parte questo però, si può dedurre come un giudizio, sia soggetto alla disamina del nostro IO inconscio e di quello conscio. La voce che sentiamo non è altro che la voce dell’IO profondo, quello che attinge ai nostri convincimenti, archetipi e quant’altro forma il nostro inconscio. Può dunque accadere ad esempio che guardandoci allo specchio, l’immagine che vediamo non ci piaccia. Il nostro IO profondo non se ne fa certo un problema in quanto non nega mai il suo essere, ma la nostra parte conscia comunica che non gli piace ciò che vede. Vogliamo essere diversi. A questo punto si crea un conflitto fra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere. Se le due parti, conscio e inconscio, giungono a un compromesso riusciremo a uscirne in maniera soft, se cominceranno invece a darsi battaglia, il livello tenderà a bloccarsi scatenando forti danni fino alla patologia psicosomatica in quanto il disaccordo potrà arrivare a diffondersi sugli altri livelli energetici.

Nella guerra con noi stessi, non esiste un vincitore. Solo perdenti: noi!

Prendiamo ad esempio l’anoressia nervosa. Questa malattia, perché di questo si tratta, è contraddistinta dal rifiuto del cibo per la paura ossessiva di ingrassare. In questo caso potremmo osservare come la “relazione con il nostro fisico” sia compromessa. Tale malattia però è anche spesso accompagnata da depressione e/o ansia che riflettono il livello mentale. La depressione è anche correlabile al livello spirituale.

Riassumendo, i livelli di “relazione verso sé stessi” si occupano di portare l’informazione energetica nel nostro sistema a livello fisico, a livello mentale e a livello spirituale. L’insieme dei tre elementi costituiranno l’informazione stessa e la sua interiorizzazione.

Livelli energetici – la relazione con gli altri

I livelli energetici che si occupano della “relazione verso gli altri”, servono invece a portare un informazione da noi verso appunto un altro. Quando ad esempio parliamo con un amico o facciamo una nuova conoscenza, questi livelli trasportano l’informazione energetica nei tre aspetti (fisico, mentale e spirituale) dal nostro campo energetico a quello del nostro interlocutore. Sono dunque livelli che si occupano di portare il nostro IO all’altro.

A inizio articolo abbiamo detto che il nostro campo energetico ha 8 metri di raggio. Questo significa che il campo energetico entra fisicamente in contatto con altri campi energetici quando l’individuo si trova entro i sedici metri di distanza. In una stanza dunque, a meno di trovarsi nei saloni della reggia di Versailles, i campi energetici di ognuno entrano in collegamento con quello di tutti i presenti.

Stando in una sala d’attesa, avete mai provato sensazioni particolari non riconducibili alla vostra “normalità”? Ad esempio vi siete mai sentiti non a vostro agio nonostante foste seduti appartati con una rivista in mano? Passeggiando in una via affollata, avete mai provato sensazioni di cui non ne avete compreso il motivo?

Quando facevo l’insegnante, ho avuto la fortuna di avere allievi con cui si rideva, si scherzava e ci si divertiva. I corsi, che si tenevano nei week-end erano lunghi e mi trovavo anche in lezioni dove parlavo per 6-7 ore. A volte era stancante eppure la sera trovavo il tempo anche per uscire, andare a cena o altro. Ricordo però il giorno degli esami. Il mio lavoro consisteva nello stare dietro ad una scrivania con la commissione. Il massimo sforzo era fare qualche domanda ad ognuno degli esaminandi e alla fine discutere con gli altri presenti nella commissione sulla valutazione da dare. Ebbene! Quella era la giornata più stressante in assoluto. La sera cadevo letteralmente a pezzi e agognavo il momento in cui sarei entrato nel letto.

Questo perché il mio campo energetico entrava continuamente in contatto con persone che vivevano una forte tensione per l’esame. Lo stress che avvertivo si produceva dal continuo comunicare del mio campo energetico con quello in fermento degli allievi. Questa comunicazione avveniva da parte loro tramite i livelli energetici relativi alla relazione con gli altri.

La connessione fra livelli energetici… lato inconscio

Incontrando una persona nuova, avete mai provato una sorta di simpatia o antipatia cosiddetta “a pelle”?

Quando ci presentiamo ad una nuova persona, i nostri campi energetici sono quasi fusi insieme in quanto ci troviamo a portata di mano da lui. Inoltre la nostra parte conscia è concentrata proprio sulla nuova persona e questo significa per il campo energetico, cercare volontariamente di allinearsi all’altro per cominciare a comunicare. A questo punto può succedere di tutto! La persona ci può apparire bella, solare, magnetica e darci la sensazione di provare piacere in sua presenza.  Può anche essere che riteniamo la persona solo bella, solo solare o solo magnetica. Viceversa può anche sembrarci una persona brutta, non necessariamente sotto un punto di vista fisico. Potremmo ad esempio trovarla bella fisicamente tanto che potrebbe addirittura attrarci ma completamente distante a livello mentale. Ci sono varie possibilità ed ognuna avrà anche varie sfumature. Che cosa sta accadendo?

A livello inconscio i nostri livelli energetici e quelli dell’interlocutore hanno provato a comunicare. I livelli che sono riusciti a sintonizzarsi li abbiamo avvertiti a livello conscio. I canali aperti e lo scambio di informazioni hanno prodotto un effetto positivo sul nostro modo di vedere lo sconosciuto. I livelli che invece non si sono sintonizzati li abbiamo avvertiti negativamente. Dunque potremmo trovarci a parlare amabilmente con una persona pur tenendo distanze fisiche più ampie in quanto il livello mentale e spirituale sono in comunicazione ma non quello fisico. Gli esempi potrebbero essere moltissimi. C’è chi vive storie sessuali forti con persone con cui non sognerebbe mai di poterci vivere insieme per differenze caratteriali o modi di pensare troppo diversi, chi ama godere dell’amicizia di qualcuno con cui non andrebbe mai a letto insieme, chi passa ore al telefono con una persona inventando però sempre una scusa nel caso venga invitata anche solo a parlare di persona in mezzo a piazza San Marco a mezzogiorno.

L’allineamento completo dei livelli energetici porta ad un intimità più stretta. Via via che i livelli vengono rallentati o interrotti, scendiamo dalla persona più cara al mondo alla persona che non vorremmo mai aver conosciuto. Questo però non deve far pensare che i livelli rimarranno sempre nel solito stato fra due persone. Tutto è in movimento continuo e quei livelli inizialmente desintonizzati possono cominciare a comunicare.

Dobbiamo poi tenere conto di quella famosa relazione verso noi stessi. Se ad esempio il nostro conscio avesse ingaggiato una guerra con l’inconscio portandoci alla chiusura di un livello, quello stesso livello avrà serie difficoltà anche a ricevere le informazioni che arrivano da un altro campo energetico. Risolvendo i nostri conflitti quindi potremmo permettere la sintonizzazione del livello con quella persona con cui sembrava chiuso o in difficoltà.

Concludendo, i livelli energetici, al pari dei chakra, dei meridiani e di tutte le strutture energetiche, sono di fondamentale importanza per la comprensione e lo stimolo delle nostre attività intra ed extra relazionali.

Ricorda: non esiste un mondo al di fuori di te stesso. Esisti te e il tuo mondo!

fonte:anatomiaenergetica.it

di: Giovanni Amerighi

SOLSTIZIO D’ INVERNO: IL RITORNO ALLA LUCE DENTRO DI NOI

L’Astrologia Tropicale è in stretta connessione con la Natura e le stagioni che la governano.

4 sono gli eventi che determinano una svolta, che aprono un portale, ma non un portale dimensionale esoterico e nettuniano, mi riferisco di più ad una consapevolezza interiore.

Se osserviamo attentamente la Natura che ci circonda possiamo meglio comprendere quello che accade dentro di noi, riuscendo più facilmente ad abbandonarci al flusso divino che costantemente ci guida lungo il percorso.

Purtroppo però viviamo gran parte della nostra vita governati e guidati dalla nostra mente che tutto controlla, dirige e commenta volendo comprendere ogni cosa.

Con l’arrivo dell’autunno nel giorno dell’equinozio, siamo stati invitati a selezionare e liberarci di quello che non ci serviva più  per proseguire lungo il cammino con più leggerezza al fine di prepararci per rigenerarci a nuova vita nel giorno della primavera che nel nostro emisfero indicherà un nuovo inizio. I semi selezionati e custoditi germoglieranno… ma non ora!

Ora è il momento di riposare e di prepararci per il gran Galà.

La parola Solstizio (dal latino solistitium, è composta da Sol- (“Sole”) e sistere “fermarsi” ed indica il momento in cui il Sole raggiunge il punto di declinazione massima o minima (a dipendenza della stagione). Il Solstizio d’inverno indica il giorno in cui l’asse della terra nell’emisfero boreale raggiunge la sua massima declinazione ( / )  lontana dal Sole, determinando quanta superficie il Sole riesce ad illuminare con i suoi raggi e quanto calore riesce a trasmettere con la sua potenza.

Avrete già notato quanto sia basso il Sole in inverno, talmente basso da accecarci durante la guida. Questo perché è come se noi “fossimo più alti” rispetto alla sua posizione. In realtà la terra è semplicemente più declinata. 

Il giorno di massima declinazione viene indicato dall’ingresso del Sole nel segno del Capricorno. 

Sarà il 21 Dicembre alle 11:44 che quest’anno il Sole farà il suo ingresso in questo affascinante e carismatico segno dando inizio all’inverno, indicando nel contempo non solo il giorno più corto dell’anno, ma anche il momento in cui le tenebre raggiungo l’oscurità massima nel nostro emisfero. Il Sole è al suo minimo sia come potenza che come visibilità, ma nel contempo sta già annunciando l’imminente ritorno della Luce! 

Il Sole rimarrà in quella apparente posizione per tre giorni prima che l’asse terrestre riprenda il suo moto nella direzione opposta. 

Non a caso infatti si celebra il Natale la notte del 24 Dicembre che a livello simbolico indica il ritorno alla Luce. 

Oltre a Cristo però vi sono altre divinità la cui nascita viene celebrata il 25 Dicembre, ma l’umanità ne ha perso memoria.

Il primo fra questi fu Horus, divinità egizia nata 3’000 anni prima di Cristo.

Virishna, altra divinità del medio oriente la cui nascita 1’200 anni prima di Cristo venne celebrata il 25 Dicembre.

Ma anche Attis nel 1’200 a.c., Krishna nel ‘900 a.c. ed altre ancora… (Se volete approfondire l’argomento vi consiglio vivamente di cercare informazioni in rete.) 

Queste nascite indicano una “data” simbolica in quanto si vuole piuttosto portare attenzione sul Sole Nascente, e sulla venuta di una divinità che arriva come una stella luminosa che a sua volta simboleggia il ritorno della Luce dentro ognuno di noi!
Come noi viviamo e percepiamo questa luce dipende da noi, e soprattutto dalla nostra mente.

Se siamo focalizzati sulla paura e sulle emozioni traumatiche del passato probabilmente la sensazione di tristezza aumenterà con l’avvicinarsi del Natale (Luce), in quanto aumenterà il contrasto tra la Luce e le tenebre. Se invece rimaniamo focalizzati sul presente, avremo più probabilità di sentire quella scintilla divina dentro di noi, in quanto Dio può manifestarsi solo nel presente!

Ma la nostra mente è distratta. Ci porta a correre tra un negozio all’altro alla ricerca dell’ultimo regalo, si focalizza sulla persona amata che non è più fisicamente con noi, convincendoci ancora ed ancora che non riusciremo mai ad essere veramente felici! Portandoci sempre più lontano dalla nostra vera essenza e gioia interiore. Tanti di noi non sentono più lo Spirito del Natale, altri invece gioiscono semplicemente del fatto di stare insieme in famiglia!

Tutte le divinità si racconta siano nate da una donna vergine, nel momento in cui una stella splendeva alta nel cielo notturno annunciando la sua nascita. La Vergine sta ad indicare la purezza dell’animo lo stato in cui quella Luce può venir percepita.
Quella stella è Sirio stella fissa a 14° nel segno del Cancro ed è la più brillante nei cieli notturni nelle notti invernali, mentre il Sole di giorno splende nel segno opposto del Capricorno.

Le Scuole misteriche considerano Sirio il Sole dietro il Sole, cioè la vera fonte della potenza del nostro Sole (la nostra stella). Laddove il calore del nostro Sole mantiene in vita il mondo fisico, si ritiene che Sirio mantenga invita il mondo spirituale!

Il Segno del Capricorno nella sua manifestazione più positiva è portatore di saggezza.
Ci indica come possiamo “raggiungere” l’illuminazione, ma ce lo mostra attraverso l’esperienza diretta, non priva di ostacoli.

Vi sono diversi maestri nati sotto il segno del Capricorno, come Yogananda per esempio, ma anche Giovanna d’Arco, oltre a Cristo la cui nascita però a mio avviso è semplicemente simbolica.

Ma andiamo un po’ ad osservare il cielo del Solstizio 2016, per comprendere la mente e la dimensione duale nella quale viviamo.

Sarà il segno dei Pesci ad ascendere ad est nell’esatto momento dell’entrata del Sole nel segno del Capricorno, incoronando Nettuno e Giove signori di questa speciale carta del cielo.

Nettuno sarà congiunto all’ascendente, perfettamente a suo agio in casa dodicesima, mentre Giove si trova in Bilancia in casa settima per prepararsi per una perfetta opposizione con Urano il 27 Dicembre.

Il Sole fa la sua entrata nel segno del Capricorno in pieno giorno, venendosi a trovare proprio nel posto giusto! Nella casa del Capricorno, ovvero nelle alte vette dello Zodiaco in casa decima!

(Se nella vostra carta personale avete il Sole in casa decima sappiate che avete una missione importante e che la vostra personalità vuole essere vista e riconosciuta. Una posizione che però dovrete conquistarvi. Qui siamo nel territorio di Saturno! non dimentichiamoci che lui richiede eccellenza e determinazione!)

Questo Sole sarà quadrato alla Luna, sestile a Marte e trigono al Nodo Lunare Sud!
Mentre Saturno in Sagittario che governa il Segno del Capricorno si trova in perfetta congiunzione con il Medio Cielo.

Vuoi raggiungere le alte vette? Vuoi vivere un vero viaggio spirituale che ti aiuti a vedere tutto da una un’alta vetta dalla quale potrai avere una prospettiva più ampia? E’ possibile si! ma dovrai essere pronto a lasciare andare alcune cose ed atteggiamenti ed impegnarti al massimo!

Non tanto distante dal Sole, splende Mercurio in congiunzione con Plutone.
Essendo Mercurio in moto retrogrado ed il Sole ovviamente in moto progrado, è come se si stessero venendo incontro. In effetti si incontreranno il 28 Dicembre ed il giorno dopo verranno raggiunti dalla Luna rimanendo tutti congiunti a Plutone. (Prevedo una lunazione intensa..)

Non possiamo pertanto ignorare Mercurio che assume ulteriore importanza essendo il governatore del Nodo Lunare Nord, né tantomeno Plutone essendo ad esso congiunto. E dobbiamo per forza considerare Giove in opposizione ad Urano che quadrano Plutone, Lilith in Scorpione in casa ottava, che quadra Venere in Acquario in dodicesima casa…
Ma particolare attenzione dobbiamo darla anche a Marte perché si trova congiunto al Nodo Lunare Sud, pertanto nell’inconscio collettivo potrebbe farsi strada una paura ancestrale di perdere qualcosa o qualcuno, forse un controllo emotivo?..

Partiamo dunque dalla paura..

La paura è un emozione, giusto?
e l’emozione nasce da un ricordo.

Il ricordo vive nella memoria dell’Anima, ma è la mente a portarlo alla memoria che sia a livello conscio o inconscio!

In ogni caso la paura ha un enorme presa sull’animo umano, ci domina, ci paralizza e guida ogni nostra azione. La paura ci tiene ancorati al passato e ci fa temere il futuro, distogliendo la nostra attenzione dal presente!

C’e’ un enorme desiderio di ribellione (Urano) nell’umanità! Un grande desiderio di libertà! (Ariete)
Per alcuni potrebbe essere il desiderio di vivere la propria vita secondo i propri desideri, liberandosi da paure e condizionamenti, con il rischio però di diventare giudicante ed arroganti, per altri potrebbe voler significare sentirsi liberi dalla paura e dalle emozioni per riscoprire la vera essenza dell’Anima! senza nulla giudicare, ma cercando il più possibile di rimanere in osservazione. Perché il giudizio da attenzione alla mente ed alle emozioni.

Ad un livello più evolutivo si parla del desiderio di raggiungere le alte vette e di trascendere l’Ego e le emozioni, in modo da poter splendere in tutta libertà e senza paura.

E quale segno è più in grado di distaccarsi dalle proprie emozioni senza farsi travolgere se ha un obiettivo da raggiungere? Il Capricorno!

Ma quale segno riesce a mantenere un assiduo controllo sulle proprie emozioni, sulle persone e sugli eventi? sempre il Capricorno!

Quanta energia viene richiesta per mantenere un controllo? Tanta
e come ci si sente se percepiamo di non essere riusciti a raggiungere l’obiettivo e la leggerezza che rincorriamo da sempre? esausti!

Ed è qui che venite invitati a fare una scelta!

Prima di continuare a proseguire lungo il vostro percorso dovete chiedervi cosa desiderate dalla vita e da voi stessi, perché con queste posizioni planetarie potreste davvero venir incoraggiati a seguire un ambizione terrena o a rincorrere la pace all’esterno manifestando la vostra volontà agli altri. E non vi è assolutamente nulla di male in tutto ciò! Quel che conta è che ognuno di noi sia felice davvero, e che sia felice dentro! (La pace comunque non la troverete mai fuori, è sempre dentro di voi da sempre e per sempre!)

Il punto è che il sistema planetario manifesta una vibrazione, e la vostra scelta pertanto indicherà la manifestazione di queste vibrazioni.

Nelle mie analisi ed articoli ho scelto di focalizzarmi sempre sulla vibrazione più evolutiva di ogni aspetto planetario, pertanto concluderò questo articolo focalizzandomi sulla seconda scelta, quella di sentirci vivi e liberi dentro! qualsiasi cosa accada o non accada fuori! 

Non spetta a nessuno giudicare la scelta di ognuno di noi, quel che conta è lottare per liberarci dalle nostre paure e riuscire a domare le emozioni che spesso precedono ogni nostra decisione ed azione.

E Cristo (“nato” sotto il segno del Capricorno) ci ha mostrato come fare. Camminando sulle acque vuole ha voluto mostraci quanto sia importante camminare al di sopra delle nostre emozioni, insomma quanto dobbiamo riuscire a domarle piuttosto di farci da esse domare!

Ci sono due cose che ci impediscono di “raggiungere” l’illuminazione!
Mente ed Emozioni.

Ma se fosse l’ego a cercare l’illuminazione? Ci avete mai pensato?

Dobbiamo comprendere che l’illuminazione non è qualcosa da raggiungere, quanto più qualcosa da conquistare come una grande ed alta vetta!
allora.. non potrebbe forse essere l’ego a distrarci con la mente e le emozioni convincendoci che l’illuminazione consiste in un percorso spirituale esteriore?

Se riuscite a domare la vostra mente e le vostre emozioni come un Capricorno sa fare, (ed in ognuno di noi esiste questa energia), riusciamo davvero a raggiungere l’alta vetta e da li possiamo diventare spettatori della nostra vita, scoprendo che in fondo.. siamo sempre stati illuminati, semplicemente siamo stati distratti dalla mente e dall’ego. Comprenderemo che abbiamo dato troppo ascolto alla mente ed alle nostre emozioni, talmente ascolto da aumentare la distanza che ci separa dal nostro Vero Sé, sempre stato presente e dentro ognuno di noi, mentre focalizzavamo la nostra energia all’esterno.

Ogni carta del cielo può essere interpretata in tantissimi modi diversi e sono sempre tutti giusti!
Potreste anche venir chiamati a scegliere e decidere quale sia la vostra missione, senza però diventare troppo egoisti (essendo la luna in bilancia in casa settima insieme a Giove), potreste anche voler rivendicare la vostra indipendenza con quel forte Urano in Ariete in casa prima, espandendo e comunicando questo desiderio al vostro partner.. Potreste venir chiamati a fare delle scelte chiare e precise rivendicando la vostra volontà!

Oppure potreste solo dover elevarvi oltre la mente e le emozioni, per poter padroneggiare la vostra vita!

Sappiate che la mente vi provocherà non poco. Lo fa ogni giorno!  La realtà circostante è piena di insidie che alimentano la nostra paura e rabbia, ma questo è il mondo della mente, non dell’Anima.

Le emozioni si faranno sentire, ma se davvero volete scoprire che siete sempre stati illuminati è  proprio a loro che non dovete prestare ascolto. Diventate gli osservatori di voi stessi e della vostra vita! 

Mercurio in Capricorno ci sostiene in questa impresa, e guarda caso è il governatore del Nodo Lunare Nord che si trova nel segno della Vergine. Il segno zodiacale degli infermieri che riescono a svolgere il loro servizio verso l’umanità senza farsi travolgere dalle emozioni. E come abbiamo visto Mercurio il 19 dicembre è entrato in moto retrogrado invitandoci ad abbandonare il controllo della Mente.

Insomma.. se vogliamo sentirci liberi fino in fondo ed incontrare la nostra Vera Essenza dobbiamo per forza liberarci dal controllo dell’ego e della nostra mente, perché l’energia mentale di questo tema natale sembra indicare sì la voglia di libertà ed il desiderio di riempire quell’apparente vuoto interiore che si manifesta attraverso la Lilith ed il senso di rifiuto che la collettività umana ha percepito nel corso dei secoli semplicemente per aver manifestato la sua unicità come individuo. Ma nuovamente.. Chi si sente veramente rifiutato? l’ego o l’Anima?

Dobbiamo sempre tener presente che noi non siamo il nostro tema natale, ma che abbiamo un tema natale che si presenta come un dono, come uno strumentodivino che possa aiutarci a ricordare chi siamo, ma soprattutto chi non siamo! Per riuscire ad adempiere alla nostra missione terrena.
Nel momento in cui padroneggeremo il nostro tema natale, saremo in grado di padroneggiare la nostra vita.

D’altronde Giordano Bruno diceva:

“Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi. Nascendo in questo mondo, cadiamo nell’illusione dei sensi; crediamo a ciò che appare. Ignoriamo che siamo ciechi e sordi. Allora ci assale la paura e dimentichiamo che siamo divini, che possiamo modificare il corso degli eventi, persino lo Zodiaco”.  

Ricollegandomi dunque alle divinità nate il 25 dicembre, 3 giorni dopo il Solstizio… 

Il cosmo ci racconta chi non siamo ogni giorno, mentre la mente continua a volerci convincere chi siamo! Ma ogni giorno l’Universo ci da la possibilità di metterci in contatto con la nostra vera essenza se solo riuscissimo a specchiarci nelle divinità che ogni anno in questo periodo vogliono ricordarci:  Tu sei esattamente come me! Io non sono nato per salvarti, ma per mostrarti che tu sei Luce, che dentro di te vive una stella, che tu sei un essere divino! e che se te ne renderai conto il Sole tornerà a splendere!

fonte:Astrosapienza.blogspot.co.ke

IL PORTATORE DI LUCE

“L’umano deve morire in modo che il divino possa nascere. Non perché non vada bene, ma perché è il guscio che contiene lo spirito, è il bozzolo che trattiene le ali della farfalla.

Tuttavia, non devi attendere fino al momento della tua morte fisica per vedere morire l’umano. Esso può morire nel divino proprio adesso, se sei disposto a smettere di fare la vittima, di resistere, di difenderti, di nasconderti e di proiettare i sensi di colpa.

Non potrai volare finché non sarai disposto a rivendicare le tue ali. Quando lo farai, non potrai rimanere nelle oscure ombre della tua paura. La scelta è tua. Come farai a scegliere? Cosa vorrai diventare: vittima o angelo? Tra i due non c’è nulla! Ciò che sembra esistere è solo la carcassa umana: è l’essere che non ha ancora scelto, è il bruco che sogna le sue ali.

Solo quando saprai di essere il portatore di luce, allora l’oscurità potrà svanire. Ma prima di poter diventare il portatore di luce devi attraversare i tuoi luoghi oscuri: il portatore di luce non nega il buio, lo attraversa.

Nel momento in cui non esiste una cosa, in te stesso o negli altri, che temi di guardare, il buio non potrà più avere la sua presa su di te. Allora potrai attraversare il buio e potrai giungere fino alla luce. Fingere di essere un portatore di luce prima di avere affrontato le proprie paure significa essere un impostore, essere un guaritore malato, essere un ipocrita.

Tutti i guaritori non guariti, alla fine, devono scendere dal loro falso piedistallo. Dove la luce è una finzione, è solo il buio a prevalere. Per essere la luce devi saper accogliere il buio a braccia aperte. Il tuo buio e quello di ogni altro. Devi venire a patti con la mente ego e saperne vedere l’assoluta futilità.

Devi imparare a guardare la paura con l’amore nel cuore: devi saper guardare la tua paura, quella di tua sorella, quella dello stupratore o quella dell’assassino. Devi capire che tutte le paure sono uguali, perché tutte le paure sono prodotte solo dalla mancanza d’amore. L’amore è la sola risposta al tuo profondo senso di separazione. Non l’amore di qualcun altro, ma il tuo stesso amore.

Nel prendere in mano la fiaccola della verità e nel portare amore alle parti ferite della tua mente, ti riprendi il tuo potere. Rinuncia a essere una vittima. Non puoi più essere trattato ingiustamente, perché tu sei la fonte dell’amore, dell’accettazione e del perdono.

Da dove viene l’amore? Viene da te. Tu sei la via, la verità e la vita, come lo sono stato io. Non devi più cercare il divino là fuori. Nel benedire te stesso, tutti sono perdonati. Quando giungerà sulla terra il Regno dei cieli? Non appena aprirai il tuo cuore e quando attraverserai le tue paure.

Quando verrà il Messia? Non in un futuro, ma adesso! Adesso finisce la separazione, finisce la proiezione, adesso risuona la campana a morto per la paura. Adesso! Non mettere la salvezza nel futuro o la salvezza non verrà mai. Chiedila ora. Accettala ora. Il Regno di Dio si manifesta solo in questo istante.

Quando verrà il Regno dei cieli? Quando questo momento ti basterà. Quando questo posto ti basterà. Quando questo amico ti basterà. Quando questi eventi e circostanze saranno accettabili. Quando non smanierai per qualcosa di diverso da quello che hai davanti.

Tu, amico mio, sei il Cristo, il Messia, sei colui che porta la salvezza. Sei colui che porta l’amore che hai domandato agli altri, sei colui che porta la liberazione dalla violazione del sé e dalle relazioni violente. Sei il solo che sia in grado di entrare a pieno nella tua esperienza, di possederla e di sollevarla. Tu sei il portatore della luce.”

(Paul Ferrini)

NEW AGE…FORMULA VINCENTE PER LA CATASTROFE

05-30-02-new-age-religion-600

Tra le mie amicizie cosiddette New Age, mi è capitato più volte di osservare un modus operandi allarmante: la simulazione estenuante dello stare bene a tutti i costi e di essere felici.

Nel mondo New Age, molte organizzazioni o gruppi cosiddetti spirituali, i vari guru e operatori di luce “rivelano” ai loro seguaci la necessità di pensare sempre positivo e di concentrarsi solo sulla luce. Ma chi s’imbarca in questa visione parziale del mondo, non otterrà mai l’aiuto vero e necessario per essere sereno, completo ed integro, rischiando così di perdere la propria autenticità e sanità mentale, per la continua negazione e repressione della propria parte denominata “negativa”.

Come dice il filosofo-scrittore danese Soren Kierkegaard, “…ci sono due modi per essere ingannati. Uno è quello di credere a ciò che non è vero, l’altro è quello di rifiutare di accettare ciò che è vero”. Soffriamo, perché prendiamo per vere cose che non lo sono e non vanno a nostro beneficio, oppure perché ci rifiutiamo di accettare la verità.

Vuoi realmente fare un lavoro su te stesso? In tal caso, devi assolutamente andare dentro la tua “ombra”! L’ombra è la chiave, l’ombra è dove c’è la risposta… la nostra parte ombra, la parte ombra della società, la parte ombra del collettivo, la parte ombra individuale, nella famiglia e in ogni situazione che ci troviamo ad affrontare, di volta in volta.

Solo se prendiamo in considerazione la nostra parte ombra, possiamo trovare la vera liberazione e quella vibrazione che frantuma ogni zavorra mentale, trovando così la nostra integrità personale. Altrimenti, concentrandosi solo sulla “luce” non ci si libererà mai spiritualmente, psicologicamente ecc… e non solo, potrebbe succedere di appesantirsi ancora di più.

Una delle ragioni per cui la maggioranza di questi “falsi” maestri della luce, indica costantemente come “via” quella di concentrarsi solo sulla luce, è perché sa bene che in questo modo viene creato un cliente a vita, visto che così facendo non si ottiene mai alcuna vera risposta o alcuna reale soddisfazione. Si passa così da un guru, una tecnica, un movimento, una religione, un metodo o un corso ad un altro… per l’eternità. E se non ci credi, guardati in giro!

Quando si viene abusati da qualcuno o, per esempio, si diventa il target di uno psicopatico, non si riuscirà a trovare alcun sollievo finché non si faranno i conti con l’unico dato di fatto reale, ossia che l’individuo che si è approfittato o si sta approfittando di noi, non ha assolutamente alcuna “luce” in sé. Solo quando si affronta l’oscurità si può vedere la luce o meglio lo spiraglio di luce come via d’uscita, riuscendo così ad uscirne fuori, liberandosi e ripristinando la propria integrità personale!

La maggior parte dei movimenti ed ideologie della New Age sono stati corrotti ed utilizzati per condizionare le persone a non guardare ciò che è “negativo”. Sei negativo se parli della manipolazione mentale, oppure quella persona è negativa quindi bisogna evitarla… Il motto di queste persone diventa: “Non vedo il male, non parlo del male, non ascolto il male!”

Sindrome della testa sotto la sabbia Purtroppo questa ideologia non porterà a nulla e non aiuterà mai a capire come le cose stiano realmente. La sindrome della testa sotto la sabbia (tipo struzzo), porta solo a negare la realtà e a non vedere la verità per quello che è veramente. E’ quindi necessario affrontare il cosiddetto “negativo” ed il male iniziando da se stessi, per guardare poi tutta la realtà e trovare così per ciascuna situazione una soluzione o una via d’uscita.

Dobbiamo cioè cominciare a vedere ed imparare che l’imperfezione è una bella cosa, che ci permette di prendere consapevolezza dei nostri lati oscuri per poi affrontarli e migliorarli. Questo volersi concentrare solo sulla luce è molto pericoloso, perché giustifica le persone a non prendere possesso della propria ombra, ad allontanarsi da se stesse, prevenendo così la possibilità di diventare lo sciamano di se stesse… In questa maniera ci rendiamo più facilmente programmabili e quindi controllabili dal Sistema.

Prendiamo come esempio negativo gli Stati Uniti: molti piuttosto che ammettere che sono un impero malefico controllato da diaboliche multinazionali con programmi da psicopatici e che sono ormai, sotto molteplici punti di vista, la peggiore nazione sul pianeta, a causa del fatto che vi comandano le multinazionali, preferiscono aspettare che arrivi un super eroe che li venga a salvare e a porre rimedio ai loro mali!

Non vogliono accettare che le cose stanno andando veramente male e che dovrebbero essere profondamente cambiate alla base e che il lato oscuro degli Stati Uniti dovrebbe essere affrontato una volta per tutte, estirpando e rimuovendo completamente l’inquinamento psicopatico in tutte le aree del potere (business, finanza, politica, esercito, chiesa, etc…). Non vogliono confrontarsi con il lato oscuro della nazione, la loro ombra, pensando di aggiustare il tutto votando un eroe… Forse è giunta l’ora che gli americani imparino la loro lezione!

Stessa situazione, tuttavia, accade anche in Italia, come d’altronde nella maggior parte dei paesi occidentali… Finché non affrontiamo il nostro lato oscuro o la nostra ombra, eliminando la negazione della realtà, non arriveremo mai alla piena potenza individuale della nostra persona e al ripristino della nostra integrità personale.

Il modus operandi psicopatico ha talmente paura del potere individuale di una persona integra, che costruisce continue false visioni del mondo e figure salvifiche strategiche, per evitare che l’umanità faccia individualmente il proprio lavoro. Se continuiamo così, ciò ci porterà a fare il loro gioco, e costoro una volta raggiunta la massa potranno poi imporre tutto quello che vogliono, facendo diventare tutto ciò una sistematica, graduale ed accurata operazione scientifica. E questa sistemica operazione scientifica non è nient’altro che il prodotto del lato oscuro, il quale identifica, permea il male, coprendolo con una patina di bene, costringendo a continui calcoli per avere ragione nei torti più flagranti!

Non facciamo quindi come gli struzzi, guardiamo in faccia la realtà, non per spaventarci (la paura va affrontata “a priori” in chiave esistenziale e “spirituale”), ma per ricavarne determinazione e coraggio per cambiare la storia, che “loro” vorrebbero scrivere per noi…

Ricordiamoci sempre che il potere della nostra integrità personale è molto grande ed è essenziale per creare “altro”. Se non si parla del male, non si vede il male o non si ascolta il male… non si diviene essere umani empatici e si rimane preda dei poteri psicopatici.

Fonte: http://essereumanoinarmonia.blogspot.it/

 

 

PERCHE’ VENIAMO SEMPRE ATTRATTI DALLE PERSONE “SBAGLIATE”?

554

 

Quante volte ci siamo posti questa domanda? “Perché attraggo sempre le persone sbagliate?” E’ la nostra identità ferita ad attrarle. Forse potrà sembrare un po’ forte come affermazione, ma c’è una spiegazione: Tutti noi abbiamo due aspetti: il piccolo sé (l’ego ferito) e il sé spirituale (il sé superiore, adulto o anima).

Il sé ferito è la parte di voi che si sente incompleta. Il nostro valore viene messo in discussione, ci si sente incompleti. La nostra mancanza di autostima si chiede se siamo degni di ricevere amore. Dall’altro lato, siamo dotati anche di un sé spirituale. Il nostro sé superiore, l’anima. E’ quella parte di noi collegata all’amore, verità, saggezza e pace interiore. Il nostro sé superiore sa certamente quanto siamo meritevoli d’amore e quanto valiamo. In un certo senso, è il contrario dell’ego.

In ogni momento, siamo pervasi dall’influenza di questi due sè. Molti di noi, purtroppo tendono troppo spesso ad agire sotto l’influsso dell’ego. Crediamo di essere insignificanti e impotenti e per questo motivo cerchiamo di sopperire a questa mancanza.

L’ego tende a cercarsi all’esterno per sentirsi completo. E’ convinto che una volta ottenuto il successo (soldi, un partner migliore, un lavoro migliore, una casa più bella, vacanze da favola ecc) sarà finalmente felice.

Invece accade il contrario, non è mai felice. Non per molto comunque. Perché la natura dell’ego è quella di sentirsi incompleta. Pertanto, quando si vive assecondando questa prospettiva, saremo destinati a sentirci come se ci mancasse qualcosa. La vita osservata sotto questa lente non è molto divertente.

L’ego viene particolarmente accentuato quando si parla di relazioni sentimentali, perché le relazioni sono le situazioni in cui temiamo maggiormente di essere feriti.

Siamo stati tutti delusi o feriti da una relazione in passato, portiamo ancora oggi le cicatrici (a volte inconsapevolmente). Se una ferita infantile è ancora presente al nostro interno, probabilmente verremo attratti da persone che metteranno in evidenza la stessa sensazione. Ad esempio, se la ferita è legata all’essere stati respinti o non presi in considerazione, probabilmente ci sentiremo allo stesso modo nelle nostre relazioni da adulti.

Secondo lo psicologo Enrico Parpaglione il motivo per cui proviamo attrazione per le persone sbagliate al punto da non riuscire ad allontanarci facilmente da loro, è perché siamo spesso attratti da ciò che è noto o conosciuto, possiamo preferire ciò che è familiare anche se questo non corrisponde al soddisfacimento dei nostri bisogni più profondi.

Inoltre possiamo rimanere bloccati in una relazione che ci richiama una relazione passata, come a voler a tutti i costi modificare il finale.

Può accadere allora che se abbiamo subito un’abbandono nel corso dell’infanzia ci ritroviamo ad essere attratti da persone inaffidabili e poco presenti, se abbiamo subito una violenza o abuso troviamo partner violenti, se siamo stati ignorati dal punto di vista affettivo ci avviciniamo a partner distaccati e centrati su di sé.

Il nostro inconscio è programmato per attirare le persone che riattivano le vecchie ferite, allo scopo di farti crescere. 

Questa è una parte frustrante del processo di crescita! Ma cerca di considerare il tutto da questo punto di vista: Abbiamo la possibilità di guarire facendoemergere le vecchie ferite. Non possiamo guarire qualcosa che non vediamo, ovvero nascosta nel nostro inconscio. La sensazione di disagio deve venire in superficie per poterci permettere di crescere.

Come possiamo crescere?

Identificandoci con il nostro sé superiore.

Ricordiamoci che il sé superiore è la parte che conosce tutto di noi. Sa che siamo degni, sorprendenti, capaci e potenti. Attraverso la lente del sé superiore, siamo tutto. Siamo essere umani imperfetti, con difetti, ma la verità più grande è che siamo anime.

Siamo belli

Siamo importanti

Siamo speciali

Siamo l’amore

Questo è ciò che il sé superiore sa di te, e vuole che tu lo sappia.

Identificandoci con il nostro sé superiore (l’amore dentro di noi), la propensione a portare in superficie le ferite nei rapporti con le altre persone  si dissipa e, in molti casi scompare.

Quando ci svegliamo e riconosciamo chiaramente la verità del nostro sé spirituale, improvvisamente ci rendiamo conto che le persone “sbagliate” erano solo degli insegnanti, che ci spingevano ad identificarci con la parte di noi che non mette in discussione il nostro valore. Purtroppo, non c’è nulla che ci sproni a crescere più di un cuore spezzato.

Il nostro sé superiore vuole che riconosciamo il nostro potere e che ci impadroniamo di ciò che siamo veramente. Riappropriamoci del nostro amor proprio, e guariremo le nostre ferite e relazioni interiormente ed esteriormente

fonte: www.dionidream.com

I BAMBINI DELLE STELLE STANNO OPERANDO ALL’INTERNO DELLA MATRIX

indigo-cristal-arco-iris

Il nuovo essere umano, i bambini delle Stelle, la connessione extraterrestre.

Ci sono nuove generazioni di bambini che si reincarnano sul nostro pianeta, che sono molto diverse dalle generazioni anteriori.

Mary Rodwell (www.maxynetaylor.com) ci spiega cosa sono i bambini delle Stelle:

Screenshot_20160408-212727_1

“La cosa interessante in merito a questi nuovi bambini è che, spesso, sono nati da genitori che hanno avuto incontri extraterrestri, sebbene non sempre compresero che lo erano.

Possono averli visti come un esperienza spirituale, o attraverso la loro lente religiosa, hanno pensato che era un angelo anzichè un essere di luce, realmente non importa, però questo significa che sono coscienti di aver avuto un’interazione con altre intelligenze, sia che li abbiano visti come angeli custodi, guide spirituali o quello che sia.

E per il fatto che non è facile programmare questi nuovi bambini,  e questa è la cosa importante della nuova umanità, perchè la loro realtà non è come sembra, non li si può condizionare al mondo tridimensionale tanto facilmente.

Si tratta di qualcosa di deliberato, perchè in realtà sono loro che ci stanno conducendo verso la nostra vera natura, una natura multidimensionale.

E visto che è più difficile programmarli, sembrano disfunzionali, però non lo sono, semplicemente sono più coscienti della Matrix, stanno operando all’interno della Matrix.

Questi bambini vedono tutto ciò, vedono i campi di energia che ci circondano, sono coscienti degli animali e delle piante con cui possono comunicare, sanno quando le persone non stanno bene, possono vedere attraverso i corpi delle persone.

Screenshot_20160408-212830_1

Vi voglio raccontare la storia di un ingegnere che mi scrisse ciò che suo figlio di dodici anni gli aveva detto: ‘Sai, papà? Io non sono di qui, sono di Andromeda. Mia madre era azzurra, aveva la pelle azzurra e realmente mi risulta molto difficile stare qui perchè so che succederà qualcosa’.

E gli spiegò che stiamo raggiungendo un altro livello di coscienza e gli disse: ‘Questa volta può essere che l’otteniamo veramente. Siamo stati qui 2 o 3 volte precedentemente e non l’ottenemmo, però vi sono un 95% di possibilità che l’umanità lo raggiunga. Siamo venuti ad aiutare’.

Un bambino di nove anni mi disse: ‘Nella mia vita anteriore ero su Orione, lavoravo nella tecnologia avanzata che comprendeva viaggi attraverso il tempo.

Sono un fisico di luce e sono venuto qui con questa conoscienza, però molti scienziati non la intenderanno perchè è troppo avanzata per la loro comprensione.

La cosa più simile per poter comprendere ciò che posso fare è probabilmente l’opera di Tesla, però è la base di partenza.

L’informazione che io possiedo va molto al di là, però è un buon inizio’.

Screenshot_20160408-212801_1

I bambini mi dicono che quando vanno a scuola gli insegnano tante ‘stupidaggini’ che non sono corrette, che sono errate e non hanno alcuna utilità, nè valore, si disconnettono, perchè loro hanno già la conoscenza e la coscienza che necessitano, e come disse questo bambino di nove anni: ‘Quando vai a scuola ti programmano per non aver accesso alla tua luce’.

Questi bambini hanno capacità mentali e analitiche superiori e connessione diretta ad una maggior coscienza.

Hanno un’estrema sensibilità ai pensieri ed alle emozioni, memoria fotografica, reazioni rapide dei motoneuroni come quelle dell’ADHD, possono manipolare il tempo e lo spazio, molti di loro sono telepatici, ricordano le loro vite passate e di essere stati su una nave spaziale.

Sanno di avere dei downloads e di aver interagito con molti esseri differenti.

Possono utilizzare idiomi o strane scritture, che fanno parte della loro educazione sulla nave spaziale e sono coscienti delle loro origini.

Tutti dicono che questo fa parte del cambiamento.

Dobbiamo lasciare questa realtà tridimensionale che ci limita.

Come dice il Dott. Ohlson, ci stiamo dividendo in persone di bassa frequenza e in persone di alta frequenza.

E le persone di bassa frequenza hanno scelto di rimanere nel paradigma presente, però vi sono molti che stanno dicendo: ‘Per me questo non torna’.

Ciò che vedo è che questo sta succedendo, e il caos fa parte della preparazione per lasciare tutto il vecchio e così poter entrare nel nuovo.

Screenshot_20160408-212753_1

Questi bambini sono venuti per iniziare tutto questo e le generazioni più anziane gli servono da ponte per poterli appoggiare affinchè possano compiere il loro lavoro e, per questo motivo, abbiamo bisogno di nuove scuole.

Essi ci insegneranno di cosa hanno bisogno.

Per esempio, parlai con un giovane diciassettenne in Nuova Zelanda e mi disse che lui era venuto come ambasciatore di Arcturus e che era un ingegnere ecologico, in altre parole, era venuto a fornire il modo di creare habitat dove poter vivere in armonia con il pianeta, invece del modo in cui lo facciamo ore, che è adattare il pianeta alle nosrtre convenienze.

Il linguaggio umano può cambiare la configurazione del DNA, si è già visto, che questo può succedere.

Cos’è il linguaggio? E’ una frequenza. Cos’è la musica? E’ una frequenza, e molti bambini delle stelle stanno traendo questa bella musica, che, in realtà, è qui per riequilibrare le frequenze.

Ciò che stiamo apprendendo è che se osserviamo l’energia, il modo per influenzarla è attraverso le frequenze, e come disse questo bambino di nove anni, è lo stress della società moderna che, d’altra parte, è provocato, ciò che ci mantiene disfunzionali affinchè non possiamo essere tutto quello che potremmo essere, in altre parole, siamo spenti.

Senza ombra di dubbio, questi bambini vengono per una ragione, e  se vengono con tutti queste capacità, tutta questa conoscenza ed un intendimento di come vogliono cambiare ciò che sta succedendo qui ed elevarci verso una nuova comprensione di chi e cosa siamo, in nessun modo vengono a perdere il tempo.

Non è che vengono e improvvisamente tutto crolla, vengono unicamente perchè sanno che il cambiamento avverrà e sanno che funzionerà”.

Sarà un caso che i bambini vaccinati, indottrinati, ‘programmati affinchè non abbiano più accesso alla loro luce’, per mantenerli ‘spenti’, anche contro la volontà dei genitori?

Non sarebbe positivo sforzarci per lasciare la bassa frequenza alla quale siamo sottoposti e cosi servire da ponte a questi bambini che vengono per aiutarci e per mostrarci la strada verso la Nuova Era Fotonica?

a cura di Sergio T. – HTM

fonte: hackthematrix.it

PERCHE’ CI INNAMORIAMO? NULLA AVVIENE PER CASO…

sexualidad-el-tantra-parte-iii-l-jfyqdu

E poi succede. Quando meno ce lo aspettiamo, che ci piaccia o no, ci innamoriamo.

Incontriamo una persona e guardandola negli occhi qualcosa dentro di noi si accende e sappiamo, anche se magari non ce ne rendiamo conto, che quella persona l’abbiamo già vista da qualche parte: la sua voce o un suo gesto ci parla di cose indescrivibili, il suo viso ci ricorda tempi di cui non sappiamo, innesca memorie antichissime senza nome, impulsi ancestrali dimenticati in qualche angolo di noi. In meno di un minuto è fatta. Da lì in poi, appena oltre quel bivio di un secondo, inizia tutta un’altra strada.

Ma cosa accade esattamente quando ci si innamora, e perché? E’ una domanda a cui in tanti hanno provato a rispondere, in ogni campo del sapere. Gli storici ci dicono che l’amore romantico è un fenomeno tipicamente occidentale. Il cosiddetto colpo di fulmine nasce in Occidente, nell’antica Grecia, per svilupparsi nella letteratura e nell’arte lungo tutta la storia antica e moderna, con esempi illustri nella mitologia e nella letteratura, da Cupido a Tristano e Isotta (sulle cui tombe crebbero due alberi di Tasso le cui chiome si intrecciarono indissolubilmente) ai film di Woody Allen. In particolare, l’amore romantico è un topos che prende sempre più piede a partire dell’Ottocento, con la corrente del Romanticismo che porta alla rivalutazione dei sentimenti soggettivi.

In altre civiltà, quali quella indiana o quella cinese, l’amore costituisce più una conseguenza che una causa delle unioni matrimoniali, qualcosa che si costruisce giorno per giorno, basato sull’affetto e su interessi comuni. Oppure c’è l’amore esoterico del Tantrismo, quello che permette ai praticanti di trascendere se stessi tramite un’unione sessuale sacra, invertendo il flusso energetico dell’orgasmo per risvegliare Kundalini, il serpente che dorme arrotolato alla base della nostra colonna vertebrale e che attende di essere risvegliato per poter percorrere la spina dorsale, sbloccando tutti i chakra e infine connettendoci con l’energia cosmica dell’Akasha.

A livello biochimico, l’innamoramento (o colpo di fulmine, o infatuazione) è diverso dall’amore che caratterizza una relazione stabile a lungo termine, per via degli ormoni che il nostro corpo produce. Qualche anno fa, dei ricercatori dell’Università di Syracuse, hanno condotto uno studio per cronometrare quanto tempo occorra per innamorarsi di qualcuno. Il risultato? 20 centesimi di secondo.

Dal momento in cui osserviamo il possibile partner, nel nostro cervello si attivano ben 12 aree differenti, che si impegnano in una rapidissima valutazione delle caratteristiche di colui o colei che ci sta di fronte e che, in caso di risposta positiva, stimolano la produzione di neurotrasmettirori quali la noradrenalina, la feniletilamina (PEA) e la dopamina, oltre che di estrogeni e testosterone, che sarebbero i responsabili di un effetto molto simile a quello prodotto da alcune droghe, regalandoci eccitazione, euforia e uno stato generale di iperattività, benessere e buonumore. Questi neurotrasmettitori inducono il nostro organismo a ricercare l’accoppiamento, predisponendoci all’unione sessuale che garantirà la continuità della specie.

Altri ormoni, quali l’ossitocina (soprattutto per le donne) e la vasopressina (soprattutto per gli uomini), entrano in gioco invece più tardi. L’ossitocina, anche nota come “ormone dell’amore”, viene prodotta in seguito a carezze e coccole (è anche uno dei principali ormoni prodotti durante l’allattamento, stimolando la relazione di attaccamento e affetto tra madre e figlio), e induce un senso di fiducia e desiderio di protezione, diminuendo le capacità mnestiche (cioè offuscando i ricordi) e rinforzando il legame con il partner. La vasopressina invece è un ormone connesso alla regolazione del bilancio idrico e la sua produzione innesca un maggior desiderio di proteggere la compagna e la prole. Sono ossitocina e vasopressina a garantire, nel periodo che fa seguito al colpo di fulmine, la stabilità del rapporto.

Un ruolo chiave nel processo di scelta del partner viene giocato anche dai feromoni, messaggeri chimici mediati dall’olfatto (il nostro senso più ancestrale e inconscio), secreti da speciali ghiandole localizzate dietro le orecchie, nel cavo ascellare e nell’area genitale. Si suppone che la preferenza di un odore piuttosto che di un altro, nella scelta del compagno, dipenda dalla sua maggiore o minore compatibilità genetica con noi. Tuttavia, questa spiegazione appare riduzionistica se si considerano le innumerevoli implicazioni che un odore porta con sé, e le centinaia di ricordi attivati.

 

Il principe del corteggiamento (anche se non presso tutte le culture) è senza dubbio il bacio, definito dalla scienza come un “comportamento complesso”, che richiede l’utilizzo di un totale di 34 muscoli facciali e 112 muscoli posturali e che stimola la produzione di adrenalina e noradrenalina, aumentando l’eccitazione dell’apparato cardiovascolare e non solo.

L’innamoramento porta con sé inoltre un forte aumento dei livelli di stress, sia negli uomini che nelle donne, mentre l’atto sessuale costituisce (se sano e consensuale naturalmente), un toccasana per l’organismo, migliorando l’attività cellulare, funzionando come anti-age, come tonico e come stimolante delle difese immunitarie. Insomma, siamo (anche) organismi biologici e il nesso che lega sensazioni e sentimenti è strettissimo, tanto stretto che causa ed effetto si confondono.

Bacio romanticoAnche la psicologia ha detto la sua sull’innamoramento. Per Freud e la sua scuola non si tratta solo, in pratica, di un camuffaggio. Dietro ai sentimenti di infatuazione e di amore sta nascosto semplicemente il nostro bisogno di accoppiarci, e in seguito di garantirci la possibilità di farlo con sicurezza e agio insieme a una persona sempre disponibile per noi. Il punto di vista di Carl Gustav Jung, è invece a mio parere, più interessante e ricco di connessioni. Secondo Jung, l’innamoramento è ciò che ci permette di trascendere noi stessi. Trascendere ovvero superare, andare oltre ma passando a un livello superiore.

Come Jung, così anche Wilhelm Reich, sostiene che l’amore, e in particolare l’orgasmo, permette all’uomo di rilasciare quantità immense di energia bloccata, collegandolo al resto del Cosmo. In particolare, secondo Reich (un grandissimo sostenitore del progresso umano e dell’emancipazione, la cui storia, se non la conoscete, è bellissima e tristissima) l’orgasmo causa il rilascio delle emozioni dai muscoli e la perdita del sé, portando oltre le inibizioni. Secondo Reich la salute psichica e la capacità di amare dipendono dalla “potenza orgasmica”, ovvero dalla possibilità di scaricare completamente la libido. Scriveva: “Non si tratta semplicemente del sesso… non dell’abbraccio in sé, né dell’amplesso. E’ la reale esperienza emotiva della perdita del tuo ego, del tuo intero sé spirituale”.

Reich aveva intuito che nel sesso, conseguenza dell’innamoramento, risiede un enorme potenziale di crescita personale, che trascende il rapporto di coppia, coinvolgendo potenzialmente l’intera società. E questo, nel suo nocciolo, rappresenta lo stesso principio di cui si parla nel Tantra: la liberazione consapevole dell’enorme potenziale energetico racchiuso dentro di noi, può renderci padroni di noi stessi e in armonia con il cosmo. Il fine ultimo dell’innamoramento non sarebbe quindi soltanto la propagazione della specie, ma piuttosto la sua evoluzione in termini spirituali, e l’energia sessuale non è che uno strumento per conoscerci meglio e per sbloccare il nostro potenziale.

L’energia sessuale è in assoluto il ‘drive’ più potente presente nel nostro corpo. Lo sanno bene anche pubblicitari e manipolatori dell’opinione pubblica. Un’energia sessuale utilizzata consapevolmente e con amore, può permetterci di attingere all’immensa riserva di piacere che costituisce, in ultima istanza, la base della creazione. Una volta che si fa esperienza di una sensazione del genere, si trascendono i propri confini individuali mescolandosi all’altro e al Cosmo stesso, provando senza intermediari e senza il tramite della mente razionale cosa significhi essere Uno.

Tornando però qualche passo indietro, perché ci innamoriamo?Cioè, d’accordo, feromoni, libido e DNA. Ma davvero è tutto qui? In realtà no. In realtà esistono teorie molto più interessanti.

Per esempio, la psicologa Roberta Sava, che si occupa di ipnosi regressiva, nel suo libro “Anime gemelle o anime compagne?” sostiene, sulla base di numerose esperienze professionali, che in effetti nessun incontro accade per caso, ma tutto viene deciso, fin nel minimo dettaglio, dall’anima prima di reincarnarsi. E questo non è certo lei la prima a sostenerlo, ma ha alle sue spalle una lunga tradizione, da Edward Bach a Jung e Platone, dalla teosofia alle tradizioni antiche di varie scuole esoteriche.

Noi scegliamo di nascere in una determinata famiglia, decidiamo di fare determinate esperienze e di innamorarci di certe persone, proprio perché questi passi implicano il superamento da parte nostra di prove essenziali per la nostra crescita. Tutte le persone con cui veniamo a contatto durante la nostra vita, appartengono al nostro stesso gruppo, hanno una vibrazione simile alla nostra, sono le nostre “compagne di classe” nella scuola dell’Evoluzione.

Ogni persona che incontriamo ha un messaggio per noi, una lezione da insegnarci, e le diverse storie si intrecciano e continuano attraverso le vite e le dimensioni. Il partner di cui ci innamoriamo repentinamente, è quasi di certo un’anima che abbiamo già incontrato, o che stiamo incontrando in questo stesso momento, ma in un’altra dimensione. Per questo (oltre che per la dopamina) lo riconosciamo immediatamente e il suo sguardo risveglia in noi istinti dimenticati. Perché prima di nascere ci siamo messi d’accordo con lui per innamorarci e, sostiene Roberta Sava, abbiamo pianificato insieme anche il nostro primo incontro, per poterci riconoscere quando sarebbe giunto il momento. Le anime si scelgono perché sono in qualche modo complementari, ovvero ciascuna ha qualcosa da insegnare e qualcosa da imparare dall’altra. Sava sostiene che non esiste qualcosa come l’anima gemella, la famosa “metà della mela” di platoniana memoria, ma esistono invece molte anime compagne, compagne di classe e di vita, che incontriamo per crescere.

Vedere i rapporti in quest’ottica, sia che si tratti di esperienze positive o negative, offre a mio parere un’enorme ricchezza. Interpretare gli incontri e gli eventi della nostra vita in un’ottica sincronica, dona significato e profondità a ciò che ci succede. Niente è per caso e noi siamo i veri responsabili della nostra vita. Tutto ciò che viviamo l’abbiamo scelto e tutto ciò che viviamo contiene al suo interno un messaggio per noi, una lezione che dobbiamo ancora imparare.

Bisogna smettere di guardare alla propria vita dal punto di vista della personalità, imparando invece a identificarsi con l’anima.Siamo molto più grandi, molto più antichi e molto più potenti di ciò che ci hanno fatto credere. Il freno della Paura è ciò che ci impedisce di assumerci in pieno la responsabilità della nostra vita e di accedere al nostro potere personale: una riserva di energia direttamente connessa con la fonte di energia prima, l’utero del cosmo da cui tutto emana.

Rivalutare le nostre esperienze da questo punto di vista, oltre che migliorare notevolmente il rapporto con il nostro vissuto, significa anche abbandonare la resistenza strenua che finora abbiamo opposto al Destino e lasciare fluire le nostre acque insieme alla danza del Cosmo. Da un lato c’è l’abbandono della paura e della necessità di controllare, dall’altro c’è la piena accettazione della responsabilità derivante dall’essere un individuo connesso al Tutto e dotato di un enorme potere: il potere di creare.

L’amore è una delle metafore più potenti della creazione. La creazione altro non è che Amore in atto. Il Big Bang è stato spesso paragonato a un orgasmo, tramite l’amore concepiamo i nostri cuccioli e in ultima analisi inconsciamente tutti sappiamo che la Natura è un enorme amplesso, un atto d’amore in cui le correnti energetiche si intrecciano, si mescolano e si confondono per creare configurazioni sempre nuove.

Inutile quindi andare alla ricerca dell’anima gemella, perché non esiste! La nostra anima gemella siamo noi stessi, proiettati dalla nostra mente sugli altri. Piuttosto, chiudiamo gli occhi, drizziamo le antenne e sciogliamo le caviglie, per danzare la danza della sincronicità insieme alle nostre anime compagne.

Non sempre è facile rimanere connessi. Dovremmo cercare di utilizzare esperienze come quella dell’innamoramento come una sorta di “ascensori energetici”, lasciando che la corrente di energia luminosa che in quei momenti ci attraversa, guarisca e rivitalizzi tutte le nostre cellule, accompagnandoci nel frattempo un po’ più in là lungo il cammino.

“Quando vi libererete dell’idea che l’Anima Compagna sia un’entità capace di portarvi la felicità, e quando intenderete come Anima Compagna il resto dell’umanità, allora l’entità – la vostra Anima Compagna – quella che vi renderà possibile l’esperienza della felicità, apparirà sul vostro cammino”. Conte di Saint Germain

.

Articolo di Giorgia Rossi – giorgiarossi.naturopata@gmail.comwww.facebook.com/GiorgiaRossiNaturopata